RUDUDUM E LA BAMBINA di Paolo Visconti, Andrea Nicolucci e Sara Storino, ASTRAGALO EDIZIONI

RUDUDUM E LA BAMBINA di Paolo Visconti, Andrea Nicolucci e Sara Storino, ASTRAGALO EDIZIONI

Edito da Astragalo Edizioni ecco Rududum e la bambina scritto da Paolo Visconti con le illustrazioni di Andrea Nicolucci e Sara Storino. Con prefazione di Manlio Castagna.

C’era una volta, nel Grande Bosco di Uz, un branco di lupi. Ma non erano mica lupi qualsiasi, sai?

RUDUDUM E LA BAMBINA di Paolo Visconti, Andrea Nicolucci e Sara Storino, ASTRAGALO EDIZIONI RECENSIONE

RECENSIONE RUDUDUM E LA BAMBINA

Rududum e la bambina è una bellissima storia illustrata per bambini perfetta per riscoprire la fiaba di Cappuccetto Rosso da un nuovo punto di vista, quello dei lupi.

Il racconto ci narra di come, un tempo, i lupi erano completamente neri, e avevano occhi gialli e luminosi come le stelle. Ed erano talmente agili e veloci che potevi a malapena coglierli con la coda dell’occhio mentre passavano da un albero a una radura, o sfrecciavano da un cespuglio a una macchia. Se eri molto molto attento potevi vedere le sottili scie luminose che lasciavano i loro occhi gialli. Dominavano incontrastati quei luoghi, perché erano nientemeno che i discendenti del mitico Wulf, il padre di tutti i lupi.

Non sono gli uomini del villaggio a essere atterriti dai lupi, ma l’esatto contrario. Il branco discendente dal Grande Wulf ha paura non solo delle persone, ma anche della vecchia Strega che abita nella casupola al centro del bosco e, soprattutto, della spietata Bambina con la Mantellina Rossa. Si dice, infatti, che la misteriosa bambina rapisca i cuccioli di lupo volando da un bosco all’altro grazie alla sua mantella. Dopo l’ennesima sparizione, il branco di lupi così decide che è arrivato il momento che uno di loro affronti la bambina.

La scelta ricadrà sul docile Rududum, giovane lupo emarginato dal branco sia per il carattere timoroso e insicuro, sia per le diversità fisiche evidenti, visto il manto troppo chiaro e le zampone sproporzionate.

Rududum scoprirà presto che la realtà non è mai quella che sembra, che la nascita di una vera amicizia può essere arrestata solo dai pregiudizi, e che dietro al Male c’è ben poco di magico, ma si nasconde
sempre lo zampino dell’uomo.

Quali oscuri legami connettono la bambina dalla Mantellina Rossa, la vecchia Strega e le sparizioni dei lupi?

Attraverso la vivida prosa dell’autore e le tavole evocative degli illustratori, un interessante racconto sull’affrontare le sfide con coraggio senza mai fermarsi alle prime apparenze. Pagina dopo pagina, infatti, il giovane lettore scopre l’indimenticabile favola di Cappuccetto Rosso da una lato del tutto nuovo, quello della loro fantasia.

E sarà proprio da lì che, alla fine, riesce a vedere una nuova verità, grazie a invenzioni narrative e visive così efficaci da rinverdire un classico senza tempo, restituendolo al presente, fresco e attuale.

Un libro che ci insegna che non bisogna mai basarsi solo sulle apparenze, che l’amicizia può essere fonte di ricchezza e di fiducia nel prossimo ma soprattutto imparare come può nascere una grande amicizia con chi sembra ci sembra così estraneo e diverso da noi.

Il tutto è arricchito da illustrazioni magiche che ci immergono completamente all’interno della storia per vivere appieno il racconto e le emozioni. Una bella storia da leggere e rileggere tutte le volte che si ha voglia di leggere un bel racconto.

Scopri gli altri libri della stessa casa editrice QUI.

RUDUDUM E LA BAMBINA di Paolo Visconti, Andrea Nicolucci e Sara Storino, ASTRAGALO EDIZIONI LIBRO RECENSIONE
  • Autore: Paolo Visconti
  • Illustrazioni: Andrea Nicolucci e Sara Storino
  • Edizione: Astragalo Edizioni
  • Data di pubblicazione: maggio 2024
  • Genere: albo illustrato per bambini
  • Formato: 21 x 30 cm, copertina rigida
  • Pagine: 32 a colori
  • Età di lettura: da 4 anni
  • Il voto di Chri: 5 stelline

Scopri i miei libri su Vinted QUI e trova quello più adatto a te!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.